Sveglia! o ci lasceranno tra il suicidio e la disperazione

Lettura in 3 minuti

Di Gianmario Muggiri –

Siamo l’unico paese al mondo che per salvare le imprese chiede alle stesse di indebitarsi con le banche per arricchirle affondando le Partita IVA.
Ritengo che vi siano alcuni punti che non debbano mai essere persi di vista, come ad esempio la sopravvivenza del popolo la quale (non mi stancherò mai di ribadire il concetto) viene sempre subordinata agli interessi dell’èlite finanziaria.
Ora il governo deve dimostrare di rappresentare il popolo (e non le banche) andando finalmente a favore di esso.
Intanto proseguono le manovre nascoste per farci credere che indebitarsi sia giusto, perché se ci si indebita si pagano le tasse, così facendo si continua a tenere in piedi il sistema usurocratico, restando sempre più ricattabili, perché il debito non verrà mai estinto.
L’Italia infatti fino a quando non tornerà ad avere la propria sovranità monetaria, non potrà mai battere moneta e gli importi che chiederà (che sia alla BCE, o al MES, ecc..), saranno SEMPRE in prestito.
Così il debito, ingiusto ed inesigibile, non sarà mai estinto.
Sarà strozzinaggio ad oltranza che lascerà noi e le generazioni future tra il suicidio e la disperazione.
Inoltre, avete mai visto interventi per salvare le Partite IVA? Io sinceramente no, ma da anni noto come le banche vengano salvate dallo Stato, mentre i risparmiatori vengono buttati in mezzo ad una strada senza tutele (il caso del Monte dei Paschi di Siena, tempo fa è stato emblematico).
Per cui, visto che le banche le salviamo noi, con le nostre tasse, perché non nazionalizzarle e dividere gli utili con il popolo?
La Bce decide sugli Stati sovrani poiché non esiste più una moneta nazionale a credito ma solo a debito. Dobbiamo uscire da questa Europa finanziaria e tornare ad essere liberi, stampare noi la nostra moneta senza signoraggio bancario. E’ sotto gli occhi di tutti che si attinge dal pubblico per donare al privato (potremmo definirlo un Robin Hood rovesciato): loro rubano ai poveri per dare a loro stessi (i ricchi). Possibile che ci sia gente che ancora non lo capisca?
Tutto ciò è colpa anche della nostra classe politica, che parla e straparla, ma poi nel concreto non fa nulla per uscire da questa gabbia europea.
Nel concreto ci vogliono inculcare il pensiero del politicamente corretto: hanno tv, giornali e tutti i mezzi di comunicazione per farci il lavaggio del cervello confidando nel nostro “vabbè per oggi ho qualcosa da mangiare”. Stanno tirando troppo la corda, quel tozzo di pane sta per terminare!
Siamo reclusi in casa.
Intanto parlano di assumere per i campi manovalanza straniera, gente che lavora per venti euro al giorno per dieci ore.
Non lo fanno certamente perché amano questa gente ma solo per sfruttare manovalanza a basso costo, arricchirsi ancora e costringere al lavoro nero o super sfruttato, chi come noi ha ottenuto (lottando) un minimo salariale.
Non ci vuole un premio Nobel per capire queste manovre.
Perché non mandare nei campi chi prende il reddito di cittadinanza? D’altronde non è nato per questo? E’ necessario aiutare le persone in difficoltà e trovar loro un posto di lavoro. Raccogliere nei campi i prodotti che la natura ci dà sarebbero in tantissimi, ma ad orari stabiliti, assicurati e tutelati con il dovuto stipendio.
Fa tutto parte del loro piano: sfruttare la povera gente, arricchire le finanza e farci fare la guerra tra poveri.
Signori siete sicuri che questa si chiami democrazia? Ci stanno levando tutto anche la libertà di respirare, possibile che siamo un popolo così subdolo e rassegnato? La nostra carta costituzionale parla chiaro, stanno facendo tutt’altro che non rispettare la nostra Costituzione. Sveglia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


la tua privacy è importante

Questo sito utilizza cookie tecnici e servizi di terze parti che utilizzano cookies analitici e di profilazione per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando su “ACCETTO” presti il tuo consenso all’utilizzo di tutti i cookie e servizi. Per saperne di più, revocare il consenso o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca su informativa estesa sui cookie.  Se decidi di mantenere disabilitati i cookie, nessun cookie (oltre a quelli tecnici) verrà installato, ma alcune funzionalità del sito potrebbero non funzionare.