SOS Partite Iva

Lettura in 4 minuti

Ho raccolto alcuni accorati appelli, in questi giorni di battaglia contro l’invisibile nemico, sono grida di allarme sociale a cui questo governo dovrebbe prestare più attenzione.
Chi lavora in proprio ha come necessità assoluta quella di programmare la propria attività e per fare ciò sono fondamentali tempi certi, normative chiare, prospettive di mercato e soprattutto la possibilità di produrre utili .
Allo stato attuale la confusione generale sembra essere l’unica certezza costante, direi ripetitiva, con cui i titolari di partita iva devono rapportarsi.
La drammaticità della situazione emerge da questi racconti che ho voluto raccogliere perché ritengo siano i fotogrammi reali di vita quotidiana e della disperazione con cui le categorie produttive stanno pagando il conto di un pessimo servizio.
Prima o poi vinceremo contro il nemico invisibile ma rischiamo che molte attività lo diventino Invisibili

Lamberto Iacobelli coordinatore nazionale Destra Sociale in FdI

Buonasera a tutti
Spero che tutti gli autonomi, se il 4 Maggio ci faranno riaprire non battano neanche UNO scontrino!!!!!
#scioperofiscale

Facciamolo per dire grazie al nostro Stato che in due mesi per aiutarci ci ha dato 600€, dopo che si porta via ogni anno il 60% dei nostri guadagni.

Maledetti, per me siete solo maledetti.

Spero in una guerra civile, qui l’unica soluzione per cambiare le cose è fare un gran casino!!

A chi invece si lamenta che i propri figli non trovano lavoro, ringraziate sempre il nostro amato Paese che le imprese le ste lasciando morire di fame e che quindi di conseguenza ci saranno aziende che non potranno assumere per parecchio tempo, sempre che queste aziende riaprano.

Dal giorno zero ad oggi non ho mai scritto “andrà tutto bene” perché non andrà tutto bene, mi stupisce chi lo scrive ancora.
Andrà tutto bene?
Famiglie lasciate sole, gente che non ha visto ancora neanche un centesimo della cassa integrazione, chi ha perso il lavoro, autonomi che in due mesi si sono visti dare solo 600€ usciti dopo 10 minuti, perché i pagamenti mica ce li tolgono, è no quelli rimangono.

Andrà tutto bene?
Il caro Conte aveva firmato un decreto di stato d’emergenza il 31 GENNAIO quando intanto ci prendevano in giro dicendoci di non creare allarmismi, di stare sereni, il virus non sarebbe mai arrivato in Italia.
Loro già sapevano.

Ad oggi, per errori loro, stiamo pagando noi, a differenza che loro i soldini in tasca li hanno, perché vi ricordo che NESSUN PARLAMENTARE HA RINUNCIATO NEANCHE AL 5% DEL PROPRIO STIPENDIO.
Qui c’è gente che fino a ieri faceva la spesa e oggi è in fila alla Caritas.

Continuate a scrivere che andrà tutto bene, continuate a dire di essere fieri di essere Italiani, con tanto di inno fuori dai balconi. Facciamo ridere.

Ricapitolando tu stato Italiano 🇮🇹 a me che lavoro in proprio con una partita IVA mi dici :che devo chiudere per 15/30/45/60/70 giorni e mi dici che andrà tutto bene 😁 ed io ci credo!! Sto a casa e non guadagno un euro, poi mi dici che mi darai prima 600 euro e poi 800 euro per 70 giorni di mancato guadagno!! (ma non arrivano a tutti) poi mi dici di andare in banca dopo avermi scaricato un centinaio di moduli dal sito dello stato!! Ma la banca ancora non ha nulla e non da nessun finanziamento!! Poi la regione Lazio mi dice che c’è un bando per 10000 euro io vado sul sito della regione e ci perdo 24 ore e il tuo sito si blocca!! Ma tu stato Italiano oltre a prendere 425 super stipendiati per le varie task forze per il Covid-19!! E proprio oggi a dividervi le poltrone delle varie aziende di stato!! Be grazie 👏👏👏 oltre ad averti pagato per anni contributi, tasse e balzelli vari per avere una partita IVA, non ci avete dato indietro niente e soprattutto adesso proprio che ne avevamo bisogno!! Grazie vi aspettiamo a Giugno per il pagamento delle tasse andrà tutto bene!!

Salve a tutti , mi vorrei rivolgere a tutti i possessori di P.I. proprietari di bar,ristoranti, pizzerie ecc visto e considerato che a quanto pare la nostra riapertura è prevista salvo sorprese per il 18 Maggio e visto e considerato che si parla di misure che dovremo obbligatoriamente seguire :
santificazione locale
Barriere e pannelli protettivi
Mascherine
Guanti
E sicuramente altro che non ho elencato (per non parlare di distanza di sicurezza , affollamento in base ai metri quadri e tanto altro )
Tutti mezzi che hanno un costo e al quale non possiamo sottrarci , io mi chiedo è mai possibile che nessuno di noi abbia preso in considerazione di dire “NO ADESSO BASTA” mi spiego meglio per quale motivo io che ho un bar dovrei spendere soldi su soldi per mettere in sicurezza ancora una volta la mia attività, è possibile che non riusciamo ad unirci veramente, e non per un capriccio ma per la giustizia e L’equità delle cose. Secondo voi è sensato per noi che operiamo in questo settore ripartire a queste condizioni a mio avviso insostenibile.
Con questa nota polemica mi rivolgo a tutti voi che come me volete trovare una soluzione sicura e possibile per ripartire veramente non so magari con una raccolta di firme o con qualsiasi altro mezzo che possa far capire a chi di dovere che nel mondo reale non tutti i piccoli imprenditori possono affrontare queste spese per svolgere il proprio lavoro in modo sicuro e allo stesso tempo efficiente . Grazie spero di trovare qui pareri opinioni o idea per unire le nostri voci per cercare di tutelare la nostra salute in primis ma anche i nostri interessi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


la tua privacy è importante

Questo sito utilizza cookie tecnici e servizi di terze parti che utilizzano cookies analitici e di profilazione per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando su “ACCETTO” presti il tuo consenso all’utilizzo di tutti i cookie e servizi. Per saperne di più, revocare il consenso o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca su informativa estesa sui cookie.  Se decidi di mantenere disabilitati i cookie, nessun cookie (oltre a quelli tecnici) verrà installato, ma alcune funzionalità del sito potrebbero non funzionare.