Fondi (LT) – No alla legge Boldrini

A Fondi il circolo della DESTRA SOCIALE in FDI, con sede in Corso Appio Claudio 58, inserito anche sul sito ufficiale di FRATELLI D’ITALIA si è mobilitato a raccogliere le firme per dire no alla “LEGGE BOLDRINI”.
Cosi commenta il coordinatore Alberto di Fazio: “Con questa raccolta firme ci opponiamo ad una proposta di legge che regala con facilità la cittadinanza italiana, poiché crediamo che la stessa debba essere richiesta e ottenuta dagli immigrati solo dopo un appropiato percorso di integrazione che li conduca pian piano a conoscere e condividere il nostro modo di vivere, della nostra comunità civile ospitante e a rispettarne le leggi e le regole di chi li ospita”.
Questo “regalare” cosi’ facilmente la cittadinanza italiana e’ in realta’ un grave rischio per la nostra liberta’ in ogni ambito: le altre culture e tradizioni potrebbero facilmente sostituirsi alla nostra, e i “nuovi”italiani saranno la “creazione” perfetta per programmare e creare nuovi elettori per un governo (attuale) non voluto dagli italiani nato senza il SOVRANO consenso POPOLARE

“La raccolta firme di sabato e domenica scorsi -continua il coordinatore cittadino di Destra Sociale in FDI-
ha ottenuto risultati sorprendenti che sinceramente non ci aspettavamo con un’affluenza incessante, che chiaramente gratifica i nostri sforzi e evidenzia la giusta interpretazione da parte di Giorgia Meloni del sentimento diffuso tra gli Italiani che non intendono concedere la cittadinanza in automatico perché ritengono che sia un requisito non esclusivamente da apporre su una carta d’identità ma scaturisca dalla condivisione culturale delle nostre tradizioni della nostra civiltà della nostra identità.
Questo
tema infervora i cuori di chi si sente Italiano e senza discriminazioni per altre culture o razze vuole esclusivamente difendere la propria identità.
Il nostro vuole essere un ragionamento di buon senso senza turbare le sensibilità religiose ne tanto meno quelle culturali degli altri ma non possiamo accettare che un popolo sia costretto sul proprio territorio a rinunciare ai propri simboli …il Crocefisso non si tocca come non si modificano le tradizionali ricette delle nostre eccellenze gastronomiche.
In occasione dell’ evento la DESTRA SOCIALE in Fdi ha restituito a persone che si erano allontanate dalla politica quella passione per la politica che può e deve coniugarsi con la coerenza e non con logiche di opportunismo incontrollato che considera gli elettori dei clienti da truffare.
Ricordiamo e invitiamo tutti gli iscritti, militanti e simpatizzanti a partecipare alla manifestazione del 19 ottobre a Roma,
che in sintonia con la “Lega Fondi” ne stiamo predisponendo le fasi organizzative con lo scopo di far sentire forte e massiccia la presenza di Fondi a Piazza San Giovanni .