Solidarietà all’Arma dei Carabinieri

Pochi minuti fa apprendo da notizie di agenzia l’accoltellamento con ferocia verso due Carabinieri che stavano facendo il loro lavoro come tutti gli altri colleghi in tutta Italia e purtroppo uno dei due ha perso la vita.
Ho un “groppo” in gola, un senso di “rabbia” di impotenza verso non il fatto gravissimo in se stesso, ma di frastuono verso chi da troppo tempo ormai ha difeso questa invasione di clandestini strumentalizzandola alla radice quadrata. Non gioco anche io alla “conta” demagogica, ma è talmente ovvio che la misura è colma; vivo a Roma in zona periferica, e solo chi vive da queste parti ha la reale coscienza della sottovalutazione di questo problema epico della nostra Patria; se ne vedono ogni giorno di tutti i colori, le forze dell’ordine fanno quello che possono ma sono sistematicamente annullate da un gigantesco vortice dell’immigrazione selvaggia.
Salvini fa quello che può, ma cosi non si va piu’ avanti, serve un totale cambiamento di rotta del Governo, nuove elezioni con l’entrata di Fratelli d’Italia e di Forza Italia per dare alla nostra millenaria storia una nuova dignita’.
Alfio Di Marco

Sardegna – Dona anche tu (il sangue)

Vogliamo portare all’attenzione pubblica questa nostra iniziativa, non saremo i primi ne gli ultimi che sensibilizzano le persone alla donazione del sangue.
Il dramma dell’emolisi e delle anemie costituzionali è una delle questioni più sentite in Sardegna. Diversi sono i casi, nella nostra isola, di portatori di malattie classificabili come ematologiche: il quadro patologico in un individuo si verifica soprattutto quando la produzione midollare non riesce più a compensare la ridotta sopravvivenza degli eritrociti, ossia i globuli rossi presenti nel sangue umano. Una delle anemie diagnosticate maggiormente tra i Sardi è la Beta-talassemia o Anemia mediterranea, ereditaria, causata dalle mutazioni del gene HBB sul cromosoma 11; la gravità di questa malattia è dovuta alla natura di tale mutazione. Noi di Destra Sociale siamo particolarmente sensibili al problema, infatti stiamo chiedendo ai nostri tesserati e simpatizzanti di donare il sangue. Fino ad oggi, chi di noi ha donato, l’ha fatto in forma anonima, questa volta chiediamo agli amici di pubblicare una foto della donazione o un video messaggio per invogliare alla donazione tutti gli amici. Questa non è la solita catena, bensì un aiuto concreto a chi ha bisogno. Vorremmo agire concretamente nel dare una mano a coloro che soffrono di tali mali: dal 1° di agosto saremo in Via Talete, a Cagliari, per compiere un gesto nobilissimo e utile al caso, ossia donare il sangue.
Cecilio Stazio, noto commediografo romano, diceva: “Homo homini deus est, si suum officium sciat” (L’uomo è per l’uomo un dio, se sa qual’è il suo dovere!). Ognuno di noi può contribuire nel suo piccolo: invitiamo dunque a gran voce i Cagliaritani ed i Sardi a fare altrettanto, rammentando che aiutare il prossimo è un nobile gesto umano.
Gianmario Muggiri
Destra Sociale Sardegna

Giovannino Guareschi, vogliamo ricordarti così: con IN ALTO IL TUO CALICE e con un tuo attualissimo pensiero

“La verità non si insegna; bisogna scoprirla, conquistarla. Pensare, farsi una coscienza. Non cercare uno che pensi per voi, che vi insegni come doveteessere liberi. Qui si vedono gli effetti: dagli effetti risalire alle cause, individuare il male. Strapparsi dalla massa, dal pensiero collettivo, come una pietra dall’acciottolato , ritrovare in se stessi l’individuo, la coscienza personale. Impostare il problema morale. Domani, appena toccherete col piede la vostra terra troverete uno che vi insegnerà la verità, poi un secondo che vorrà insegnarvela, poi un quarto, un quinto che vorranno tutti insegnarvi la verità in termini diversi, spesso contrastanti. Bisogna prepararsi qui, “liberarsi” qui in prigionia, per non rimanere prigionieri del primo che v’aspetta alla stazione, o del secondo o del terzo. Ma passare ogni parola loro al vaglio della propria coscienza e, dalle individuate falsità d’ognuno, scoprire la verità.”
Giovannino Guareschi

Continuare a governare insieme a chi ha svenduto l’Italia all’Europa delle banche significa essere complice di questa scelta.

Nove sono i voti (tra questi gli europarlamentari del Movimento 5 stelle)
con cui Ursula von Der Leyen s’è garantita la presidenza della Commissione.
Elezione frutto del compromesso tra i popolari europei guidati da Angela Merkel e i gruppi socialisti e liberali rappresentati da Emmanuel Macron una scelta condizionata fortemente dalla Finanza e dagli stessi burocrati che da anni affamano i Popoli con politiche comunitarie tese e concentrate alla tutela degli interessi dei poteri forti
Questa ricca ed elegante 60enne, figlia di uno dei primi
euro-burocrati di Bruxelles rappresenta la continuità di un sistema in cui Germania e Francia hanno egemonizzato azioni nel loro interesse nazionale.
#matteoalzalatesta

Lamberto iacobelli – Coordinatore Nazionale Destra sociale in Fdi

Basta doppie pensioni ai sindacalisti

Oggi in Commissione Lavoro alla Camera iniziano le audizioni sulla proposta di legge di Fratelli d’Italia per abolire la pensione integrativa dei sindacalisti. Parliamo di un vero e proprio privilegio che consente a moltissimi sindacalisti di intascare una doppia pensione, a volte senza nemmeno pagare un solo mese di contributi. Un meccanismo che ha generato abusi e comportamenti inaccettabili da parte di chi, come i sindacati, ha il compito di difendere i lavoratori. Anche e soprattutto quelli che una pensione non la vedranno mai. È una delle tante storture del nostro sistema previdenziale che Fratelli d’Italia vuole correggere. Ci auguriamo che tutte le forze politiche vogliano sostenere questa battaglia di buon senso e giustizia e non capiamo perché invece il M5S l’abbia abbandonata.

Lamberto Iacobelli – Coordinatore nazionale Destra Sociale