Primo Piano

Nella Rossa Cantalice ora sventola il Tricolore

Ieri 17 luglio 2020, in apertura del consiglio comunale di Cantalice, l’opposizione appartenente al gruppo misto, composta da DIONISI Paolo e MICCADEI Claudio ha cambiato denominazione dichiarandosi nel partito ” DESTRA SOCIALE IN FRATELLI D’ITALIA “, alla presenza dell’avv. Alberto PIRRI e del coordinatore nazionale Lamberto IACOBELLI che dichiara: “Giornata Storica per Cantalice, fortino della …

Nella Rossa Cantalice ora sventola il Tricolore Leggi altro »

La comunità Destra Sociale di Oristano si costituisce in circolo territoriale di FdI

In un clima di collaborazione, di partecipazione ed entusiasmo, lo scorso 13 luglio presso la sede di FdI di Oristano, alla presenza del delegato del direttivo provinciale del Partito, si è costituito il Circolo Territoriale della Destra Sociale in Fratelli d’Italia per la provincia di Oristano. Dei 28 già tesserati in 17 ne hanno sottoscritto …

La comunità Destra Sociale di Oristano si costituisce in circolo territoriale di FdI Leggi altro »

Siamo vicini ai noleggiatori con conducente

Gattanella – Iacobelli Destra Sociale in Fratelli d’Italia. Solidarietà ai noleggiatori con conducente che oggi manifestano a Roma. Il crollo verticale del turismo, cui si aggiunge il ricorso massivo al lavoro da remoto, sta letteralmente minando la sopravvivenza di migliaia di piccole imprese che operano nel settore del trasporto pubblico non di linea. In questi …

Siamo vicini ai noleggiatori con conducente Leggi altro »

Giovani d’Italia entra nella fase costituente

Giovani d’Italia entra nella fase costituente che sarà coordinata dai 3 responsabili regionali che per primi hanno aderito al movimento: Regione Lazio: Mario Marcucci Regione Lombardia: Mario Andrea Biraghi Regione Sardegna: Davide Cuccu Ci incontreremo presto a Roma per stabilire le linee guida in cui i giovani dovranno operare. Metteremo in cantiere, nel corso dei …

Giovani d’Italia entra nella fase costituente Leggi altro »

L’inno di Mameli non è una canzonetta

L’inno di Mameli non è una canzonetta. Mi chiedo chi ha scelto questo questo interprete per insultare chi su quelle note riconosce il proprio orgoglio la propria appartenenza il proprio essere Italiano Quella partitura musicale è stata scritta con il sangue degli Italiani e questa esibizione offende la nostra patria. Lamberto Iabobelli

la tua privacy è importante

Questo sito utilizza cookie tecnici e servizi di terze parti che utilizzano cookies analitici e di profilazione per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando su “ACCETTO” presti il tuo consenso all’utilizzo di tutti i cookie e servizi. Per saperne di più, revocare il consenso o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca su informativa estesa sui cookie.  Se decidi di mantenere disabilitati i cookie, nessun cookie (oltre a quelli tecnici) verrà installato, ma alcune funzionalità del sito potrebbero non funzionare.