Atac, 136 mezzi ritirarti dal servizio. Temiamo il collasso del trasporto pubblico.

Lettura in 2 minuti

Di Daniele Gattanella –

Nuovi, ecologici e rossi “fiammanti” (visto il rapporto tra atac e fiamme, le virgolette sono d’obbligo), presentati e ripresentati a ripetizione in ogni angolo della città, dovevano essere l’emblema del risanamento di atac. Belli – in realtà non bellissimi – a due e a tre porte, alimentati a metano e dopo pochi mesi di servizio già ritirati per difetti di fabbricazione. Sto parlando delle vetture serie 2301/2325 e 2401/2466 acquistati tramite piattaforma Consip (la centrale acquisti dello Stato) a cui si aggiungono i 45 filobus serie 86xx – si, quelli del corridoio Laurentino – ritirati per il solito cortocircuito amministrativo tipico della Roma degli ultimi anni, cioè nessuno si è ricordato di rinnovare il contratto di manutenzione.

Questa volta, almeno sui bus a metano, l’amministrazione non ha colpe, ci mancherebbe. Il difetto insiste su una valvola  del motore che verrà presto sostituita, infatti, la stessa atac ha garantito che i bus serie 23xx e 24xx torneranno in servizio al ritmo di 3 al giorno; tuttavia sulla scelta di acquistare questi bus nascono spontanei alcuni interrogativi:
In primis, per quale ragione l’amministrazione ha deciso di procedere – e attenzione, sta ancora procedendo – tramite piattaforma Consip per l’acquisto di nuovi bus? Siamo certi che per quantitativi così importanti atac, tramite gara, non avrebbe ottenuto macchine ad un prezzo unitario inferiore? Se il problema è la fiducia dei produttori verso atac, non sarebbe preferibile procedere per gare da piccoli lotti anzichè rivolgersi a Consip?

Al netto dei nostri dubbi, in piena fase2 da Covid19, avere 136 mezzi fermi è un lusso che il trasporto Capitolino non può permettersi. Ci auguriamo che vengano rispettati i tempi promessi e che vengano subito espletate le procedure necessarie a rimettere in strada anche i 45 filobus il cui accantonamento definitivo sarebbe uno spreco che grida vergogna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA


la tua privacy è importante

Questo sito utilizza cookie tecnici e servizi di terze parti che utilizzano cookies analitici e di profilazione per proporti contenuti in linea con le tue preferenze. Cliccando su “ACCETTO” presti il tuo consenso all’utilizzo di tutti i cookie e servizi. Per saperne di più, revocare il consenso o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca su informativa estesa sui cookie.  Se decidi di mantenere disabilitati i cookie, nessun cookie (oltre a quelli tecnici) verrà installato, ma alcune funzionalità del sito potrebbero non funzionare.