RIPARTIRE DALLA TERRA ITALIANA BACIATA DA UN SOLE PIÙ FORTE

RIPARTIRE DALLA TERRA ITALIANA BACIATA DA UN SOLE PIÙ FORTE

Non si infierisca sul grave disagio sociale che da anni nega la la dignità del Popolo Meridionale

Non mi piacciono alcuni discorsi sugli effetti che avrebbe provocato la proposta penta stellata del reddito di cittadinanza.

 

Proposta che avrebbe avuto dirompenti effetti su un elettorato sensibile a ricevere forme particolari di assistenzialismo e oggetto in mano a poteri clientelari di varia natura condizioni che avrebbero favorito l’efficacia propagandistica.

 

Sono convinto che il successo dei cinque stelle al sud non sia stato determinato solo dal regalo di una prima scarpa di Lauriana memoria.

Le mie riflessioni mi spingono a pensare, facendo anche un po’ di autocritica,  che fdi  avrebbe dovuto  ascoltare con maggior sensibilità,

quel sentimento di rabbia diffusa,

per il totale abbandono

di quei territori,

per l’assenza di uno Stato che non garantisce i minimi requisiti di sicurezza,

per tutti quei sogni giovanili infranti sul gelido muro della disoccupazione,

per tutte quelle imprese costrette a subire oltre alla iniqua tassazione erariale l’aggressiva e violenta estorsione del pizzo,

per tutti coloro a cui viene negato il credito e cadono nel cappio dell’usura.

Potrei continuare

il lungo elenco delle piaghe che affliggono quella parte della Nostra  Nazione.

 

Non mi piacciono questi discorsi tesi a calpestare la dignità di un Popolo che non può venir umiliato prima, da chi ha voluto, con accattivanti slogan speculare sul dramma della disoccupazione,

sul malessere sulla povertà

E poi successivamente sbeffeggiato perché considerata  l’indole “furbetta” e “sfaticata”

la causa per cui quella proposta avrebbe prodotto il moltiplicarsi dei consensi su gente con poca integrità morale.

No non mi piace proprio

e ora di dire basta a chi non ha nel proprio sentire IL RISPETTO DI UNA NAZIONE in cui il POPOLO non é diviso da confini regionali MA UNITO DA UNA FORTE E INDISSOLUBILE IDENTITÀ

Dobbiamo tornare in Meridione,

che non voglio

chiamare sud ma

LA TERRA ITALIANA BACIATA DA UN SOLE PIÙ FORTE

e restituire a quel meraviglioso popolo,

la speranza di un riscatto che non si conquista attraverso la concessione di elemosine bensì con la realizzazione di un progetto politico teso a riaffermare il principio che il SOCIALE é la vera locomotiva della nazione una FORZA MOTRICE con la quale riconquistare la dignità di essere POPOLO

Lamberto Iacobelli