Civitavecchia da Porto Turistico della Capitale a porto per i migranti, questo è l’ennesimo schiaffo alla nostra economia.

Una mortificazione a quella. che noi consideriamo la vera RISORSA VOLANO di un’economia spinta quasi unicamente dalla propria capacità attrattiva a livello turistico e non certo offerta dalla presenza di migranti clandestini presunti profughi.

A Civitavecchia transitano: 2 milioni e mezzo di crocieristi all’anno; 1 milione e mezzo di passeggeri delle Autostrade del mare che collegano il Porto di Roma con i principali paesi del Mediterraneo e 1 milione e mezzo circa di passeggeri per la Sardegna

Probabilmente anche in questo caso il governo mette in primo piano gli interessi di gestione del business dei migranti piuttosto che salvaguardare la nostra economia nazionale

Va respinta con forza e determinazione questa scellerata ipotesi,

che unità alle grandi difficoltà occupazionali segnerebbe l’inizio di un processo di desertificazione economica di quel territorio

Lamberto Iacobelli

http://www.etrurianews.it/2017/07/15/sul-porto-civitavecchia-corso-unoperazione-distruzione-totale-sara-fuga-anche-delle-navi-crociera/