Calabria – prendiamo le distanze dagli indagati

Eravamo tutti Missini…

Venivamo tutti da quel movimento politico, chi lo visse di più e chi anagraficamente di meno ma avemmo la fortuna di conoscere più o meno tutti gli storici esponenti delle varie correnti, mai passammo per “Tangentopoli”. Poi, dopo AN fu la fine, mani nella marmellata e se vogliamo la scissione dell’atomo e non ci ritrovammo più. Oggi dopo le torbide indagini calabresi che hanno visto coinvolto un’esponente di spicco dei FDI, facente parte della giunta Regionale Calabrese, un’esponente che con la nostra storia politica nulla ha a che vedere, noi della Destra Sociale calabrese invitiamo i FDI calabresi ad essere più accorti ed avveduti negli “arruolamenti” perché una nave con troppi passeggeri rischia prima di imbarcare acqua e successivamente ad affondare, meglio pochi voti puliti che un’abbondanza acida e nefasta per il nome, la faccia e la storia di un simbolo esposto e troppe volte oltraggiato come nel caso seguente.

Vincenzo Caravona- Promotore Circolo-Beppe Niccolai-Destra Sociale Cosenza)